Museo del Paleolitico, Isernia

Da: 5.00

  Fai una domanda
Aggiungi alla wishlistAggiunto alla wishlistRemoved from wishlist 0
Compara

Visite guidate all’interno del Museo del Paleolitico.

Il giacimento paleolitico di Isernia La Pineta riveste un ruolo fondamentale nel panorama della preistoria europea non solo per l’enorme quantità di reperti rinvenuti ma soprattutto perché, grazie alla sua alta antichità, si inserisce nel novero dei preziosi siti del Paleolitico inferiore che permettono di ricostruire i tempi e le modalità di diffusione dei primi uomini nel nostro continente.

I gruppi umani che frequentarono l’area intorno ai 620.000 anni da oggi, annoverabili nella specie che
convenzionalmente viene definita 
Homo heidelbergensis, occuparono più volte piccole aree in prossimità di ambienti umidi occasionalmente interessate da eventi alluvionali. Le attività di scavo hanno infatti portato all’individuazione di tre differenti suoli caratterizzati da frequentazione antropica (3c, 3a, 3S10) riconducibili al medesimo orizzonte cronologico.

Lo studio interdisciplinare delle evidenze archeologiche ha permesso di tracciare con una certa sicurezza le modalità di comportamento dei gruppi umani che a più riprese frequentarono l’area. L’analisi del record paleontologico dimostra che i piccoli gruppi umani, 600.000 anni or sono, si procacciarono il necessario sostentamento dal recupero di carcasse animali rinvenute durante l’esplorazione del territorio circostante.

È presumibile che gli Heidelbergensis di Isernia fossero in grado di abbattere animali di grandi dimensioni e che lo charognage (sciacallaggio) fosse tra le strategie alimentari più diffuse. Appare inoltre chiaro come l’uomo operasse selettivamente, depezzando e trasportando presso l’area fluvio-lacustre solo alcune parti dell’animale, nello specifico quelle che potevano fornire più tessuto facilmente
consumabile.

Nell’area dell’attuale sito avveniva poi la scarnificazione dei segmenti scheletrici e la fratturazione intenzionale delle ossa lunghe e dei crani degli animali. Il consumo di carne cruda venne, verosimilmente, integrato con quello non meno appetibile rappresentato dal tessuto cerebrale e midollare delle prede.

Nel 2014 è stato rinvenuto un dente umano (IS42), si tratta di un incisivo superiore deciduo di un bambino di età compresa tra i 5 e i 7 anni. Ad oggi, IS42 è uno dei reperti umani più antichi d’Italia.

Dettagli: Museo del Paleolitico, Isernia

Tipologia

museo, Visita guidata

Durata

1 ora

Persone

1/10

Galleria: Museo del Paleolitico, Isernia

Recensioni degli utenti

0.0 su 5
0
0
0
0
0
Pubblica

Non ci sono ancora recensioni

Scrivi la prima recensione per “Museo del Paleolitico, Isernia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Domande di carattere generale

Non ci sono ancora richieste.

Logo
Registrazione
Reset Password
Articoli da comparare
  • Total (0)
Compara
0